Caffè e funghi, un’innovazione in agricoltura

6 marzo 2018

Caffè e funghi: un progetto che nasce da un'intuizione. C'entrano un laureato in agraria, un giovane architetto e un imprenditore giapponese...



Un progetto innovativo di agricoltura e riciclo quello di FunghiEspresso, la start-up nata nel 2016, dall'incontro fra due giovani laureati Antonio Di Giovanni (in agraria) e Vincenzo Sangiovanni (in architettura) e l'imprenditore giapponese Tomohiro Sato che si appassiona e finanzia il loro progetto: coltivare funghi dai fondi di caffè. Il progetto si concretizza con l'apertura di due stabilimenti, uno in Toscana e l'altro in Campania.

L'idea che unisce caffè e funghi



I fondi di caffè infatti forniscono il substrato ideale per la coltivazione dei funghi, ricchi come sono di minerali e sostanze nutritive utili. - In 7-10 giorni dall'interramento del seme nel fondo preparato coi fondi di caffè, nasce il Pleurotus Ostreatus (il fungo più conosciuto come ostrica o orecchione) - rivela uno degli ideatori, sulle pagine di Repubblica.it

Il progetto della start-up FunghiEspresso si ispira agli standard della Blue Economy (aziende con la vocazione del riciclo e del riuso) e fa appunto del riciclo uno dei suoi assi portanti. Alla base della produzione ci sono infatti gli accordi con numerose catene di bar e caffetterie per reperire i fondi di caffè, fornendo in cambio a queste aziende una valida alternativa a basso impatto per lo smaltimento dei fondi di caffè.

Ogni anno, in Italia vengono prodotte 300.000 tonnellate di fondi di caffè.

Il progetto è curato nei minimi dettagli: la coltivazione dei funghi, ad esempio, viene eseguita in verticale per massimizzare lo spazio coltivabile. Tutto il processo di coltivazione avviene senza l'ausilio di prodotti chimici, "al naturale" è il mantra dell'azienda, partendo da uno scarto, i fondi di caffè, che diventa risorsa.

I fondi di caffè dopo l'uso vengono usati come compost per concimare altro terreno.

Da poco sono disponibili i kit fai-da-te, per coltivare in casa, in poco tempo (crescono in una settimana circa) i funghi dai fondi di caffè.

Per adesso dal kit con i fondi di caffè è possibile coltivare 3 tipologie di funghi:

  • il Pleurotus Ostreatus: il fungo più conosciuto come ostrica o orecchione, ottimo per contorni trifolati o cucinato a cotoletta

  • il Pleurotus Djamor: il fungo dell'amore, di colore rosa, ricco di proteine, viene definito la "bistecca vegana"

  • il Pleurotus Cornucopiae: il fungo che sembra un fiore, ottimo per sughi e primi piatti, ha un'ottima compatibilità con il pesce

 

0 commenti su “Caffè e funghi, un’innovazione in agricoltura

Lascia un commento

Or comments without registering

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.