Caffeina e memoria: esiste una relazione?

6 febbraio 2018

Fra caffeina e memoria esiste una relazione positiva? La prestigiosa rivista Nature Neuroscienze pubblica uno studio che ne indaga gli effetti



Sulla relazione fra caffeina e memoria la rivista scientifica Nature ha pubblicato uno studio frutto del lavoro di Daniel Borota e diversi ricercatori della Hopkins University a Baltimora.

Altre ricerche avevano già posto l'attenzione sul miglioramento delle prestazioni cognitive dopo l'assunzione di caffè, ma nessuno studio era riuscito a dimostrare una correlazione positiva fra l'incremento delle capacità mnemoniche dopo l'assunzione di caffeina. Motivo per cui era diffusa la credenza che non ci fosse alcuna influenza fra il caffè ed eventuali ricadute sulla capacità di memorizzare ed elaborare informazioni.

Il problema alla base di questi tentativi di dimostrare una correlazione fra caffeina e memoria stava nel fatto che il caffè veniva somministrato subito prima dei test, rendendo impossibile indagare se i risultati dipendessero dall'influenza positiva della sostanza o dalle capacità individuali dei soggetti le cui prestazioni venivano indagate.

Lo studio Daniel Borota su caffeina e memoria



Lo studio di Borota ha come assunto quello di verificare se la caffeina favorisce il processo di consolidamento delle informazioni nel medio lungo periodo. E' stato effettuato su un gruppo di 160 volontari fra i 18 e i 30 anni che non erano consumatori abituali di caffeina. La caffeina, a differenza delle ricerche precedenti, veniva però somministrata ai volontari solo dopo un test di memorizzazione. Il giorno successivo i partecipanti venivano sottoposti ad un nuovo test cognitivo che comprendeva soltanto alcuni degli item presenti nel test del giorno precedente.

I risultati dei test



I 160 volontari erano stati suddivisi in 2 gruppi: al primo gruppo era stata effettivamente somministrata caffeina, al secondo gruppo invece semplicemente un placebo. I volontari appartenenti al primo gruppo ovvero quelli che avevano assunto caffeina dimostravano di ricordare con maggiore precisione quali item erano stati mostrati loro il giorno prima e vantavano una maggiore capacità di distinguere gli item nuovi da quelli presenti anche nel precedente test.

I volontari ai quali invece era stato somministrato placebo dimostravano maggiore confusione nel ricordare quali item erano presenti nel test del primo giorno e quali fossero quelli che vedevano per la prima volta.

Dosi



Lo studio ha anche evidenziato e quale sia la giusta dose di caffeina efficace nell'incrementare le capacità di memorizzazione e consolidamento delle informazioni. Infatti in una fase successiva dello studio ai partecipanti vennero somministrate dosi da 100 e da 400 milligrammi di caffè, tuttavia perché i risultati ottenuti fossero riconfermati occorreva una dose di almeno 200mg. di caffeina (circa 2 / 3 tazze di caffè). Quantità superiori non hanno un incremento proporzionale degli effetti.

 

0 commenti su “Caffeina e memoria: esiste una relazione?

Lascia un commento

Or comments without registering

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.