Coltivazione caffè: il fattore altitudine

23 gennaio 2018

Coltivazione caffè: esistono differenti modi di coltivare il caffè, ma il fattore che ha maggiore impatto è l'altitudine. Vediamo come influenza gusto e proprietà.



Quando si parla di coltivazione caffè, la collocazione geografica delle piantagioni di caffè è un elemento che ne influenza sapore e caratteristiche ed è il motivo per cui i produttori di caffè esaltano con dovizia di particolari provenienza e tipologia di coltivazione dei chicchi di caffè.

Le piantagioni di caffè, nel mondo, sono tutte posizionate nella c.d. "coffee belt" (cintura del caffè) una fascia attorno ai tropici che comprende America centrale, Africa equatoriale, India e Indonesia e che si sviluppa sulle catene montuose che interessano questi territori.

In questi territori il clima assolato, mite e poco piovoso crea le condizioni ideali per una produzione di qualità.

Coltivazione caffè ad alta quota



I chicchi di caffè coltivati ad alta quota sono quelli più pregiati. In particolare le condizioni climatiche e l'altitudine incidono sulla quantità di zuccheri presenti nei chicchi. Gli zuccheri influenzano il gusto della miscela donandole sfumature più raffinate di aromi.

Le piantagioni che raggiungono le altitudini maggiori si trovano in Costa Rica e in Etiopia, (rispettivamente 1.500 m. e 1.800 m. sopra il livello del mare), in generale si parla di coltivazioni ad alta quota quando si superano i 1.200 m. s.l.m., condizione che crea i presupposti per la maturazione di chicchi di caffè densi, duri e ad alta concentrazione di gusto.

In particolare sono 3 i fattori che incidono sulla qualità del chicco:

  1. Le rigide condizioni di crescita ad alta quota rallentano il processo di maturazione dei chicchi, questo rallentamento favorisce lo sviluppo di zuccheri complessi


  2. La pendenza del terreno dove si trovano le piantagioni favorisce il drenaggio dell'acqua lungo la montagna e riduce la quantità di acqua assorbita dalle piante di caffè, la conseguenza è che i chicchi hanno una maggiore concentrazione di aromi e gusto


  3. Poiché appunto le condizioni di crescita sono rigide, la concentrazione di piante è inferiore rispetto alle coltivazioni a bassa quota; le piante di caffè hanno quindi più spazio per svilupparsi, un fattore che ostacola la diffusione di parassiti e malattie


Quindi i chicchi coltivati ad alta quota hanno una quotazione di mercato maggiore rispetto alle coltivazioni a bassa quota sia per le caratteristiche intrinseche alla condizioni climatiche e morfologiche, sia perchè le quantità di raccolto sono inferiori.

Esistono tuttavia delle eccellenze di caffè prodotto a bassa quota.

In questo schema abbiamo invece sintetizzato le differenze di gusto.



 

0 commenti su “Coltivazione caffè: il fattore altitudine

Lascia un commento

Or comments without registering

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.