La tazzina ideale per un caffè perfetto

2 gennaio 2018

Esiste una tazzina ideale per gustare il caffè al meglio delle sue qualità e nella pienezza dei suoi aromi?



Forse sì, esiste la tazzina ideale che esalta con pienezza e rotondità gusto e aroma del caffè.

Sicuramente materiali, forma, spessore e altre caratteristiche incidono sull'alchimia che si crea in tazza e sull'esperienza di gusto che si sperimenta.

Come per il vino, anche per il caffè forma e sostanza del "contenitore" sono una componente rilevante nell'equilibrio del gusto della bevanda.

Quindi focalizziamo l'attenzione sulle caratteristiche della tazzina ideale.

Caratteristiche fisiche della tazzina ideale



La tazzina perfetta deve contenere agilmente 25 millilitri di caffè e la sua altezza rispettare il cosiddetto "spazio di testa", ovvero quell'abitudine inconscia da degustatori di avvicinare il naso alla tazzina senza toccare il caffè, per lasciarsi inebriare dalle essenze sprigionate dal mix di aromi .

Deve inoltre essere consistente e stabile per accogliere senza contraccolpi il flusso di caffè se posizionata nella macchinetta.

Ergonomia della tazzina ideale



Qui gli standard non funzionano. Differenti tipi di caffè richiedono differenti tipi di tazzina, sempre in un parallelo con il mondo enologico dove la tipologia di vino incide sulla scelta del bicchiere.

Una tazzina bassa e dall'apertura ampia sarà perfetta per un caffè ristretto mentre una dalla forma più stretta e lunga esalterà meglio un caffè più lungo. Il cappuccino, proprio per la consistenza leggera della schiuma di latte, necessita di una tazza dallo spessore elevato per mantenere la giusta temperatura.

Tuttavia è possibile fissare alcune regole generali:

  • La tazzina con fondo piano penalizza la durata e la consistenza della crema

  • Una tazzina dalla forma omogenea e dal fondo concavo incide positivamente sulla qualità della crema

  • L'apertura della tazzina (ovvero la parte superiore che si conclude con il bordo) non deve essere troppo ampia per non esporre troppo il caffè alla luce che lo ossida e per convogliare gli aromi al naso

  • La forma deve rimandare ad una forma di tronco di cono o ad una campana capovolta sempre per favorire l'esaltazione degli aromi sprigionati

  • Lo spessore della tazzina è maggiore alla base e si assottiglia verso l'apertura per sfruttare al massimo, grazie allo spessore, l'isolamento termico del materiale

  • Il colore? Indiscutibilmente bianco, per esaltare le caratteristiche cromatiche della miscela e per una corretta degustazione. Per lo stesso motivo per cui il calice da vino è rigorosamente trasparente.


Materiali e temperatura



La tazzina ideale è di porcellana dura, cotta ad altissima temperature, spessa e in grado di mantenere le temperature (il caffè si serve ad una temperatura di circa 65 gradi) e di reggere lo shock termico.

L’alta temperatura propagandosi dal basso, ovvero dalla base della tazzina, esalterà le caratteristiche organolettiche del caffè, mantenendo il bordo, da cui sorseggeremo la bevanda, ad una temperatura accettabile (circa 40° C).

 

0 commenti su “La tazzina ideale per un caffè perfetto

Lascia un commento

Or comments without registering

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.